I quattro tipi di ARCO

Arcieri del Golfo
  • Arco Compound

    L'arco composto "compound" usa un sistema di carrucole di tipo eccentrico che permettono di accumulare una maggiore quantità di energia muscolare nel sistema di flettenti e di ridurre di una percentuale che va normalmente dal 40% all'80% lo sforzo nel momento in cui si è teso l'arco. L'arco compound permette quindi di trasmettere alla freccia una quantità maggiore di energia (maggiore velocità) rispetto ad un arco di stessa potenza tradizionale (ricurvo o longbow) e di poter esser più accurati nella fase di mira. L'uso dello sgancio meccanico è quasi obbligatorio per gli archi compound.

  • Arco Olimpico

    Sono composti da tre pezzi (take-down) provvisti di un corpo centrale detto “riser”e da due flettenti fissati al corpo centrale ed uniti tra di loro da una corda, di un mirino, un sistema di stabilizzazione dotato solitamente di tre aste, un “clicker” (una lamina metallica che ha la funzione principale di segnalare all’arciere che l’arco è stato aperto della misura da lui scelta e infine un bottone elastico (Berger Button (bottone di pressione)) inserito lateralmente al rest, che ha la funzione di correggere durante il rilascio della corda, le vibrazioni torsioni e sollecitazioni sulla freccia che la potenza dell’arco esercita su di essa.

  • Arco Nudo

    L'Arco Nudo è il tipo più semplice, è privo di mirino ed è quello che ricorda meglio i vecchi archi (quelli che meglio corrispondono mentalmente agli stereotipi che abbiamo introiettato sull'arco, riconducendolo a quello dei pellerossa o degli antichi greci o romani).

  • Arco LongBow

    Arco disegnato in un unico pezzo, generalmente ad unica curvatura con forma snella. "L'arco lungo" è stato per secoli il protagonista nell'armamento dell'esercito inglese, per questo è il più conosciuto degli archi storici.

          Home Page